News: tassi BCE in rialzo

Print Friendly
mutui:aumento tassi bce

La notizia.

Era stato a lungo previsto, anche su queste pagine, ed ora ci siamo: La Banca Centrale Europea (BCE) per la prima volta dal 2008 (vedi l’andamento storico del tasso BCE), ha aumentato il costo del denaro di un quarto di punto percentuale, arrivando allo 1,25%.

Secondo diversi analisti l’operazione è prevalentemente di tipo politico, esortando governi e banche ad assumersi finalmente le proprie responsabilità della crisi economica del 2008.

Le motivazioni elencate da Jean-Claude Trichet sono la pressione inflazionista elevata e che la ripresa economica è più forte del previsto.

Da notare forse la parte più rilevante per i mutuatari ovvero che “Il consiglio direttivo non ha deciso che questa stretta monetaria è la prima di una serie“, per evitare principalmente un forte rialzo dell’euro contro il dollaro

Tuttavia, nonostante queste rassicurazioni, molti economisti continuano a prevedere altre strette monetarie quest’anno, prima e dopo la pausa estiva. D’altro canto, l’inflazione era al 2,6% in marzo, e potrebbe toccare il 3% alla fine dell’anno. Più volte ieri Trichet ha avvertito che la Bce intende contrastare il rischio di una spirale salariale: “Il nostro messaggio a tutti è chiaro: il tasso d’inflazione odierno, del 2,6%,non è un tasso d’inflazione normale”.

Fonte: Il sito de Il Sole 24 ore

Cosa cambia per chi ha un mutuo a tasso variabile.

L’aumento dello 0,25% del tasso BCE condiziona direttamente chi ha un mutuo a tasso variabile indicizzato proprio sul tasso BCE, ed indirettamente chi ha un mutuo indicizzato sull’Euribor. Quest’ultimo ha infatti subito un aumento di circa 0,25% anticipando la BCE già da circa due settimane prima.

Ma facciamo due conti e vediamo come cambiano le rate del nostro mutuo negli esempi seguenti.

Esempi:

  1. Mutuo residuo: 100.000 euro, variabile su indice BCE, spread tipico dello 1,5%
    • rata residue: 240 (pari a 20 anni)
    • l’importo della rata mensile aumenta di circa 12 euro, totale rata: 542 euro
  2. Mutuo residuo: 100.000 euro, variabile su indice BCE, spread tipico dello 1,5%
    • rata residue: 360 (pari a 30 anni)
    • l’importo della rata mensile aumenta di circa 13 euro, totale rata: 408 euro
  3. Mutuo residuo: 200.000 euro, variabile su indice BCE, spread tipico dello 1,5%
    • rata residue: 240 (pari a 20 anni)
    • l’importo della rata mensile aumenta di circa 25 euro, totale rata: 1084 euro

Di fatto quindi dagli esempi si evince come la crescita dello 0,25 del tasso BCE implica una crescita di qualche decina di euro della rata mensile del mutuo.

L’unica vera preoccupazione potrebbe derivare dal fatto che questo di oggi non sia l’unico aumento, che secondo gli analisti potrebbe arrivare nel giro di due, tre anni al 3%. In tale caso l’aumento del tasso di 2 punti percentuali renderebbe più sofferente la situazione dei possessori di mutuo a tasso variabile, con aumenti medi di 200 euro sulla rata mensile (su 200.000 euro di capitale residuo, 240 rate residue).

Verifica l’aumento sul tuo mutuo!

Passione Risparmio ti offre gratuitamente la possibilità di verificare l’effetto dell’aumento dei tassi BCE sulla tua rata ! Clicca su Calcola l’incidenza dell’aumento dei tassi BCE sul tuo mutuo !

Se ti è piaciuto quest’articolo clicca su:

Deal Nazionale 300x250


Nessun commento


Trackback e pingback

  1. Nessun trackback o pingback disponibile per questo articolo

Scrivi un Commento su www.passioneRisparmio.itScrivi un commento

AVVISO: può essere che i commenti debbano essere approvati.
Non inviare nuovamente il commento se non lo vedi visualizzato.


Articoli In Evidenza

Mutuo Deutsche Bank Tasso Variabile
Recensione Mutuo Deutsche Bank Pratico A Tasso Variabile
Oggi parliamo della nuova proposta della Deutsche Bank in ambito di mutui a tasso variabile, nello specifico il nuovo mutuo “pratico”. E’ un mutuo degno di nota perché presenta, ad oggi, uno degli spread più bassi che si possono ottenere: lo… Leggi tutto»
Quale mutuo scegliere in periodo di crisi ?
In questo periodo di crisi sono molti gli italiani che desiderano comunque acquistare casa, tra l’altro in un momento in cui il mercato immobiliare è tendenzialmente in ribasso. Ma quale mutuo scegliere ? Su queste pagine si è discusso da molto… Leggi tutto»
youbanking
Conto Corrente YouBanking: recensione ed opinioni
La nuova banca Youbanking. Youbanking è la nuova proposta di Internet Banking del Banco Popolare.  E’ di fatto una banca online con assistenza multicanale (internet, telefono fisso e mobile, smartphone) e con accesso anche alle filiali… Leggi tutto»
WeBank - Conto Corrente
Recensione Conto Corrente WeBank
La Banca WeBank. WeBank è una banca attiva solo online del gruppo Bipiemme nata il 4 Novembre 2009. Come altre banche online ha costi di gestione molto bassi e quindi può proporre ai clienti dei prodotti molto competitivi. Oggi… Leggi tutto»
Spread mutui
Spread mutui
In quest’articolo rispondiamo ad alcune domande tipiche sullo spread. Cos’è lo Spread sul mutuo ? Lo spread è la maggiorazione che le Banche applicano sui tassi di interesse nei contratti di mutuo, il valore è fissato una volta per sempre… Leggi tutto»
Intesa SanPaolo - Domus Giovani
Mutuo 100% per i giovani: Domus Giovani di Intesa SanPaolo
Domus Giovani Banca Intesa San Paolo propone un nuovo mutuo flessibile e protetto per giovani fino ai 35 anni. Fonte: Sito Intesa SanPaolo Caratteristiche del richiedente Domus Giovani è richiedibile da giovani con età compresa tra… Leggi tutto»