Quale mutuo scegliere in periodo di crisi ?

Print Friendly

In questo periodo di crisi sono molti gli italiani che desiderano comunque acquistare casa, tra l’altro in un momento in cui il mercato immobiliare è tendenzialmente in ribasso. Ma quale mutuo scegliere ?

Su queste pagine si è discusso da molto tempo, ma le regole generali sono sempre valide: ciò che è vero oggi, può essere considerato valido almeno per tutta la primavera ed estate 2012, dopodiché le condizioni macroeconomiche dell’Italia e dell’Europa potrebbero essere diverse da quelle odierne. Inoltre ricordiamo che su questo sito vengono esposte delle considerazioni di carattere generale, ma iniziamo a fare due conti !

Finalità Tipo di tasso
Valore immobile Importo mutuo
MutuiOnline S.p.A. - P. IVA 13102450155 - Iscrizione Elenco Mediatori Creditizi presso OAM n M17

Mutuo prima casa.

Partiamo da questa ipotesi, ovvero l’acquirente è intenzionato all’acquisto della sua prima casa, del valore di 220.000 euro e richiede un mutuo di 140.000 euro e stipulare un mutuo della durata di 25 anni.

Mutuo a tasso variabile.

Come primo caso vediamo i mutui a tasso variabili puri, indicizzati sull’Euribor (vedi articolo Andamento Euribor e Previsioni Anno 2012). Il mercato ora offre i miglior mutui con uno spread compreso tra lo 2,80% e il 3,00% (tasso finito compreso tra 3,50% e il 3,69% ), ovvero una rata mensile ad oggi compresa tra i 700 euro e i 715 euro. Tuttavia l‘Euribor è ai minimi storici, pertanto queste sono molto probabilmente i valori minimi di rata per tutta la durata del mutuo, e se i tassi si alzeranno (fino ad un 3% in più), la rata potrà salire anche intorno ai 1000 euro, ovvero circa 300 euro mensili in più.

Mutuo a tasso fisso.

In questo caso il mercato offre i miglior mutui a tasso fisso, con un tasso compreso tra e il 5,74% e il 5,85%, ovvero una rata mensile compresa tra gli 880 e i gli 890 euro. Praticamente una differenza di soli 180 euro rispetto al mutuo a tasso variabile ma con la garanzia di una rata fissa per tutta la durata del mutuo.

Mutuo a tasso variabile con cap.

Oggi il mercato propone i miglior mutui a tasso variabile con cap, con uno spread compreso tra il 3,50% e il 3,60% (tasso finito compreso tra il 4,00 e il 4,20%), ovvero una rata mensile compresa tra 660 euro e 750 euro. In questo caso però il tasso può aumentare fino ad un tetto massimo (cap) compreso tra 6,10% e il 6,50%, e quindi anche la relativa rata non potrà mai superare i 950 euro.

Mutuo a tasso variabile a rata costante.

I migliori mutui a tasso variabile a rata costante offrono spread compreso tra il 3,35% e il 3,70% (tasso finito compreso tra il 4,05% e il 4,40%), ovvero una rata mensile compresa tra i 742 euro e i 769 euro. In questo caso possiamo vedere che la rata è simile a quella del mutuo a tasso variabile con cap, ma senza protezione alcuna, pertanto la rata costante si paga con una forte incertezza sulla durata totale del mutuo.

Quale mutuo scegliere ?

Possiamo notare che la differenza tra i mutui a tasso variabile puri e i mutui a tasso fisso attualmente c’è poca differenza, ed in un periodo di minimo dell’Euribor, è consigliabile scegliere tra i due il tasso fisso. Tuttavia i mutui a tasso variabile con cap offrono una valida alternativa, potendo crescere fino ad un tetto limitato, ma beneficiare tutte quelle volte in cui i tassi decrescono. Mentre i mutui a rata costante non offrono nessuna protezione. Il consiglio di Passione Risparmio è quindi quella di indirizzarsi verso i mutui a tasso fisso o a tasso variabile con cap.

Gelati 250p250

Parole di Ricerca:


Nessun commento


Trackback e pingback

  1. Nessun trackback o pingback disponibile per questo articolo

Scrivi un Commento su www.passioneRisparmio.itScrivi un commento

AVVISO: può essere che i commenti debbano essere approvati.
Non inviare nuovamente il commento se non lo vedi visualizzato.


Articoli In Evidenza

Mutuo Deutsche Bank Tasso Variabile
Recensione Mutuo Deutsche Bank Pratico A Tasso Variabile
Oggi parliamo della nuova proposta della Deutsche Bank in ambito di mutui a tasso variabile, nello specifico il nuovo mutuo “pratico”. E’ un mutuo degno di nota perché presenta, ad oggi, uno degli spread più bassi che si possono ottenere: lo… Leggi tutto»
Quale mutuo scegliere in periodo di crisi ?
In questo periodo di crisi sono molti gli italiani che desiderano comunque acquistare casa, tra l’altro in un momento in cui il mercato immobiliare è tendenzialmente in ribasso. Ma quale mutuo scegliere ? Su queste pagine si è discusso da molto… Leggi tutto»
youbanking
Conto Corrente YouBanking: recensione ed opinioni
La nuova banca Youbanking. Youbanking è la nuova proposta di Internet Banking del Banco Popolare.  E’ di fatto una banca online con assistenza multicanale (internet, telefono fisso e mobile, smartphone) e con accesso anche alle filiali… Leggi tutto»
WeBank - Conto Corrente
Recensione Conto Corrente WeBank
La Banca WeBank. WeBank è una banca attiva solo online del gruppo Bipiemme nata il 4 Novembre 2009. Come altre banche online ha costi di gestione molto bassi e quindi può proporre ai clienti dei prodotti molto competitivi. Oggi… Leggi tutto»
Spread mutui
Spread mutui
In quest’articolo rispondiamo ad alcune domande tipiche sullo spread. Cos’è lo Spread sul mutuo ? Lo spread è la maggiorazione che le Banche applicano sui tassi di interesse nei contratti di mutuo, il valore è fissato una volta per sempre… Leggi tutto»
Intesa SanPaolo - Domus Giovani
Mutuo 100% per i giovani: Domus Giovani di Intesa SanPaolo
Domus Giovani Banca Intesa San Paolo propone un nuovo mutuo flessibile e protetto per giovani fino ai 35 anni. Fonte: Sito Intesa SanPaolo Caratteristiche del richiedente Domus Giovani è richiedibile da giovani con età compresa tra… Leggi tutto»